Storia della Genovese

25
Salsa alla Genovese con cipolle ramate, punta di petto e zucca

Rivisitata o ipertradizionale, la Genovese vive una nuova giovinezza.

Ancora oggi è di gran moda presso i ristoranti e le trattorie di Napoli e dintorni e non manca nemmeno nelle cucine degli chefs più ricercati.  

Cipolla di Alife (delicatissima) o di Montoro (consistente e adatta alle lunghissime cotture)? Punta di petto o stinco? Strutto aggiunto o solo olio? I dubbi dell’antica ricetta sono tanti e hanno dato, negli anni, spunti di discussione a generazioni di cuochi. 

Il vero dubbio però è il nome.

Perché si chiama genovese una pietanza diffusa a Napoli? Le teorie sono tante e tutte variamente fantasiose. 

Qualcuno ha parlato di osti genovesi medievali situati nel porto di Napoli, altri di cuochi venuti apposta da Genova o che forse si chiamavano Genovese di cognome o di “contranome”.

Negli ultimi decenni l’interesse per la storia della gastronomia ha sviluppato teorie ancora più articolate.

Abbandonata la taverna secentesca, qualcuno ha ipotizzato che il termine non si riferisse affatto a Genova e che la “Genevoise” fosse in realtà riferita a Ginevra, forse in dileggio della scarsa tradizione culinaria della città svizzera, considerata specializzata solo in ottime zuppe di cipolle. 

La versione più recente, immediatamente copiata talquale in centinaia di siti e blogs di cucina, ha posto invece all’attenzione il “Liber de coquina”, ovvero il primo trattato di gastronomia scritto in Europa nel XIII° secolo da un servitore di Carlo II d’Angiò.

Il libercolo ritrovato alla Bibioteque National de Paris negli anni ’70 del secolo scorso, riporta, tra le altre, la ricetta della “Tria Ianuensis”, una salsa di cipolle soffritte in olio e colorate con spezie da usarsi per condire carni arrosto. 

Indubbiamente ha tratto in inganno il titolo: la parola Trja, termine arabo che designava una specie di spaghetti (della cui fabbricazione, guarda caso, Genova era allora la capitale): il punto è che nel medioevo la pasta, lessata in brodo sgrassato di carne, veniva condita con zucchero e cannella e non con le salse, come avverrà dal XIX secolo in poi. 

Genovese di Genova

A chiarirci definitivamente ogni dubbio sull’origine è però lo storico Claudio Benporat che, in un interessantissimo saggio sulla cucina rinascimentale, ci spiega che la definizione “a la zenovesa” è da riferirsi ad una serie di ricette del medioevo genovese e dunque non ad una singola salsa.

Spulciando, infatti, il “Libro de arte coquinaria” di Maestro Martino da Como troviamo una gustosissima salsa di cipolle, zucca e carne salata condita con “safrano et pipero”; e poi una torta di spinaci e ancora un pasticcio tutti “a la genovesa”.

La mia modesta opinione è che, come tante ricette dell’epoca, sia nata sulle navi di pirati e corsari, quelli che terrorizzavano il Tirreno fino alla Costa Azzurra e che dovevano dotarsi di grandi scorte di cibo non deperibile perché sapevano che dopo le razzie nei porti italiani e francesi qualcuno andava ad aspettarli a casa loro per rendere il favore. E così derrate di lunga durata, quali: cipolle, carote, zucche e carne salata, erano di gran lunga preferibili alle disgustose gallette portatrici di dissenteria cronica nonché causa di rovinosi ammutinamenti.

Una leggenda, accreditata dallo storico del XIX° secolo Olindo Guerrini, vuole che due marinai catturati dai pirati, dopo una battaglia navale al largo della Corsica, furono liberati al largo di Mergellina, dopo due anni di prigionia e si misero a fare i cuochi nelle taverne del porto di Napoli: erano di Genova!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Your custom text © Copyright 2020. All rights reserved.
Close